Ottiva Vision
Ottiva Vision

le lenti progressive

 

lenti progressive

Che cosa sono le lenti progressive?

 

Come funzionano?

 

Esiste una correlazione con la presbiopia?

 

Per chi ha problemi sia nella visione da lontano che in quella prossimale, nel settore oftalmico, il mezzo che più riesce a rendere la visione del presbite vicina a quella del non presbite è la lente progressiva.

 

La lente progressiva è la più comoda e migliore risposta alla presbiopia: con una lente sola possiamo vedere da lontano (guida, televisione, ecc.), da vicino (lettura, cucito, ecc.) e anche a distanza intermedia (computer, lavorare a banco, cucinare, ecc.), utilizzando sempre lo stesso paio di occhiali.

 

Le lenti progressive presentano due zone funzionali, una per la visione da lontano (oltre i 2-3 metri) ed una per quella da vicino (30-40 centimetri); queste due porzioni di lente sono unite da un settore di transizione detto canale di progressione, in cui la potenza della lente cresce dall’alto verso il basso per arrivare al valore del potere da vicino. Questa parte di lente viene utilizzata per la visione a distanze intermedie, cioè da 50 cm a 2 metri circa.

 

Rispetto ad altre soluzioni ottiche (lenti monofocali, bifocali, trifocali), queste lenti consentono una visione nitida a tutte le distanze, avendo anche una migliore qualità ottica; inoltre non presentano l’antiestetica linea di separazione presente nelle lenti bifocali e trifocali.

 

Accanto ai numerosi pregi, le lenti progressive presentano certi condizionamenti legati alle cosiddette zone non funzionali, cioè le zone periferiche, nelle quali la qualità della visione non è perfetta a causa delle aberrazioni.

Bisogna far presente che molte limitazioni sono in fase di soluzione: soprattutto negli ultimi anni la tecnologia su queste lenti ha fatto passi da gigante, diminuendo in maniera significativa le aberrazioni periferiche e aumentando l’ampiezza del campo visivo (soprattutto nel canale di progressione).

 

È comunque fuori dubbio che tutti i problemi non potranno essere risolti, molto dipenderà dalla corretta selezione dei pazienti, da un corretto montaggio e centratura delle lenti, nonché da una corretta informazione sull’utilizzo; questi sono i passi fondamentali per adattarsi perfettamente alle lenti progressive.

 

Portatori ideali di lenti progressive:

 

- Il giovane presbite che lamenta i primi problemi di vista per la visione prossima,

- I miopi non elevati, non abituati a togliersi l’occhiale per vicino,

- L’afachico corretto con lenti a contatto o lo pseudo fachico,

- I soggetti che per motivi estetici non accettano il bifocale,

- I soggetti con necessità visive a medie distanze (50-90 cm).

 

Situazioni meno favorevoli all’uso di lenti progressive:

 

- Astigmatismi elevati, soprattutto se obliqui,

- Disturbi dell’equilibrio (labirintite, vertigini, stati ipertensivi e ipotensivi),

- Adattamento consolidato all’uso di bifocali o trifocali,

- Ametropi non adatti per ragioni fisiologiche e psicologiche,

- Ametropi con handicap fisici che non riescono a controllare la postura,

- Differenze significative di correzione tra i due occhi,

- Diversa addizione nei due occhi,

- Problemi di convergenza di almeno uno dei due occhi.

 

Alcune regole da seguire per l’utilizzo e l’adattamento alle lenti progressive:

 

1 - Puntare l’oggetto che si vuole osservare (vale per qualsiasi distanza) come se si avesse un mirino sulla punta del naso,

2 - Muovere la testa (movimento verticale) per mettere a fuoco l’oggetto considerato; per lontano basta tenere una postura del corpo naturale, per vicino bisogna ruotare la testa verso l’alto fino alla messa a fuoco ideale,

Soprattutto per la zona intermedia e per quella da vicino è importante muovere la testa e non gli occhi,

3 - Imparare bene i movimenti principali (puntare l’oggetto e muovere la testa per metterlo a fuoco) con calma, soprattutto i primi giorni,

4 - Tollerare nei primi giorni una sensazione di disorientamento spaziale. Tale problema sarà sempre meno avvertito con il passare dei giorni.

Il periodo di adattamento è solitamente di 10-15 giorni a seconda del soggetto. È importante in tale periodo seguire le indicazioni e i consigli del professionista.

 

Per ulteriori informazioni sulle lenti progressive per i comuni di Baricella, Minerbio, Altedo, Malalbergo, Molinella, Bentivoglio, Castel Maggiore, Funo, San Giorgio di Piano, Argelato e Bologna visitate la pagina contatti.

 

 

OTTICA VISION associato gruppo GREENVISION - via Roma, 185 - 40052 Baricella (BO) - Tel./Fax 051 873140 - P.Iva 01533561203

Web design Media Network adv